2 domini su 1 server

Sto eseguendo Debian e non ho un pannello di controllo o niente.

Al momento, sto semplicemente puntando il mio dominio al server IP e sta andando alla radice, ma sto cercando di aggiungere un altro dominio, quindi come faccio a farlo?

  • Ubuntu per elencare i relativi consigli di sicurezza
  • Servi http (port 80) e https (port 443) su stesso VirtualHost
  • Apache: VirtualHost *: 80 - le porte e le porte * non mescolate * con un indirizzo NameVirtualHost non sono supportte
  • Perché compresso Debian dimenticare il suo indirizzo IP statico e cercare un contratto DHCP?
  • Eviti che la posta venga contrassegnata come spam
  • Debian: Come utilizzare "apt-get install" senza aggiornare le dependencies?
  • Mi metterò alla prova il nuovo al IP, ma poi come farò in modo che lo indica in una directory diversa?

  • Come colbind una presa RJ45 con il cavo cat-5?
  • Definizione di una route statica persistente su Mac OS X
  • Ho aggiunto una port alla zona pubblica in firewalld, ma non riesco ancora a accedere alla port
  • la ctriggers scheda di networking scarica tutta la networking?
  • Passaggio di variables da utilizzare nel file predefinito per un'installazione Debian Jessie
  • Qual è la differenza tra 'useradd' e 'adduser'?
  • 2 Solutions collect form web for “2 domini su 1 server”

    Supponendo che si sta parlando di configurare un server HTTP e di Apache, in Debian, VirtualHosts sono gestiti in directory /etc/www/apache2/sites-available . Si crea un file di text qui, con qualunque nome desideri (è buona pratica usare lo stesso del dominio che stai per configurare).

    Diciamo che hai sito1.com. È ansible creare il file /etc/www/apache2/sites-available/site1.com con i seguenti contenuti:

     <VirtualHost *:80> ServerName site1.com ServerAlias www.site1.com DocumentRoot /var/www/site1.com <Directory /> Options FollowSymLinks AllowOverride None </Directory> <Directory /var/www/sigma/html> Options FollowSymLinks MultiViews Order allow,deny allow from all </Directory> LogLevel warn CustomLog /var/log/apache2/site1.com/access.log combined ErrorLog /var/log/apache2/site1.com/error.log </virtualHost> 

    L'utente crea un simbolo su /etc/www/apache2/sites-enabled come questo:

     # cd /etc/www/apache2/sites-enabled # ln -s ../sites-available/site1.com 000-site1.com 

    Questo imposta il primo server virtuale. Se si desidera che site2.com copi questo file ad un altro chiamato dopo questo nuovo dominio e modifichi il parametro di conseguenza:

    • Nome del server
    • ServerAlias
    • DocumentRoot
    • elenco
    • CustomLog
    • ErrorLog

    Crea il simbolo appropriato e ricarica apache ( /etc/init.d/apache2 reload )

    Avrai per impostazione predefinita un file /etc/apache2/sites-available/default che imposta l'host virtuale predefinito per apache. Questo è solo perché è caricato prima come /etc/apache2/sites-enabled/000-default . È solo un altro host virtuale.

    Per quanto riguarda i record DNS, puoi solo indicare site2.com allo stesso indirizzo a cui è indicato site1.com.

    C'è molto di più a queste opzioni di configuration, che è ansible leggere alla documentazione ufficiale del server HTTP Apache .

    EDIT:

    La directory cgi-bin viene descritta come un'altra direttiva su each virtualhost. Basta aggiungere al file di configuration site1.com qualcosa di simile:

     ScriptAlias /cgi-bin/ /some/path/to/site1/cgi-bin 

    E al file di configuration site2.com:

     ScriptAlias /cgi-bin/ /some/path/to/site2/cgi-bin 

    Oppure puoi anche condividere la stessa directory per entrambi i server. Maggiori informazioni sulla configuration di CGI su apache

    Suppongo che utilizzi Apache come tuo server web. Se è così, stai cercando di implementare Host Virtuali – due (o più) domini, un IP.

    Ecco alcune belle lezioni per iniziare …

    Suggerimenti per Linux e Windows Server, quali Ubuntu, Centos, Apache, Nginx, Debian e argomenti di rete.