Come spostare le macchine virtuali Hyper-V in Azure con un impatto minimo?

La mia azienda è in fase di transizione di alcuni dei suoi servizi in loco alla cloud di Microsoft; alcuni di essi vengono sostituiti complessivamente da servizi ospitati (Exchange, SharePoint); alcune altre sono applicazioni personalizzate che vengono eseguite sui server locali e quindi devono essere spostate in macchine virtuali Azure senza modifiche alla loro configuration corrente.

Fortunatamente, quasi tutti i nostri server sono macchine virtuali Hyper-V, quindi la mossa dovrebbe essere abbastanza semplice; Ho già impostato una networking virtuale Azure, un VPN sito-per-sito e un controller di dominio per il sito "cloud", e ora vorrei iniziare a spostare alcune VM.

  • Small Business Server con ruolo Hyper-V nonostante non sia supportto?
  • Configurare la fiducia tra Azure AD e AD locale
  • Aggiungere le properties; alla scheda "Informazioni sul lavoro" dell'utente Azure Active Directory
  • Duplicare un host ESXi ad un altro host ESXi come soluzione di backup
  • Come impostare / etc / issues per mostrare l'indirizzo IP per eth0
  • Migrare gli account utente da Azure AD a on-premise AD?
  • Tuttavia, tutta la documentazione che ho trovato comincia con l'imperativo di eseguire sysprep sul VM prima di caricare il suo VHD in Azure:

    http://azure.microsoft.com/en-us/documentation/articles/virtual-machines-create-upload-vhd-windows-server
    http://blogs.technet.com/b/cbernier/archive/2014/01/27/move-vm-s-between-hyper-v-and-windows-azure.aspx

    Non voglio creare templates personalizzati VM. Devo spostare le macchine virtuali già in esecuzione in Azure, senza alcun impatto sulla loro configuration corrente (oltre a cambiare le impostazioni di networking ovviamente). Sysprep è ben noto per sconvolgere molte applicazioni, ed è qualcosa che voglio sicuramente evitare.

    Come si può get questo objective?

    One Solution collect form web for “Come spostare le macchine virtuali Hyper-V in Azure con un impatto minimo?”

    Caricarlo come un disco, albind a un VM e funziona. Sarà in attesa di un controller di dominio in modo che si dovrebbe preparare per questo (sia avendo uno in azure o collegandosi al locale).

    Sysprep è necessario se si desidera caricarla come un'image, per generare altre VM. Come pratica migliore, è meglio seguire questa rotta.

    Controllare la documentazione ufficiale per ulteriori informazioni sui dischi, sulle immagini e sui VHD in Azure.

    Suggerimenti per Linux e Windows Server, quali Ubuntu, Centos, Apache, Nginx, Debian e argomenti di rete.