È consentito un CNAME alla catena CNAME?

È consentito nel DNS di avere un record CNAME che indica un altro record CNAME?

La ragione per cui abbiamo bisogno di questo è che abbiamo un nome host che vogliamo essere guardati all'indirizzo IP del nostro computer server web. Abbiamo anche un altro computer server web stand by che potrebbe essere triggersto nel caso in cui il primo sarebbe morto. In questo caso avremmo bisogno rapidamente di indicare il nome host all'indirizzo IP dello stand da parte del computer server web.

  • Ospiti pubblici e privati ​​nella stessa zona BIND
  • La risoluzione di DNS non riesce nel browser web, ma il nslookup riesce
  • Come distriggersre il DNS inverso in Sendmail
  • CNAME per la parte superiore del dominio?
  • Puoi avere più registrari DNS?
  • Regolare quanto tempo Linux richiede di fallire oltre al server DNS di backup elencato in resolv.conf
  • Purtroppo il nome dell'host risiede in un dominio DNS in cui each modifica richiederebbe tempo a causa dell'operazione manuale dipendente da altri sysadmin. Ma abbiamo un altro dominio DNS in cui possiamo eseguire rapidamente i cambiamenti. Avere CNAME a CNAME sembra una ansible soluzione. Ma è consentito? I browser web lo capiranno?

    3 Solutions collect form web for “È consentito un CNAME alla catena CNAME?”

    Da RFC 1034 – Nomi di dominio – concetti e strutture :

    Of course, by the robustness principle, domain software should not fail when presented with CNAME chains or loops; CNAME chains should be followed and CNAME loops signalled as an error. 

    Quindi sì, è consentito e il software scritto correttamente gestirà semplicemente OK. Le catene CNAME non sono tuttavia considerate buone pratiche e impongono un sovraccarico sulle infrastrutture.

    Certo, è ansible.

    Di solito è scoraggiato , per l'ovvio motivo che utilizza più risorse DNS. Per esempio:

     foo IN CNAME someserver.somehost.com. bar IN CNAME foo 

    Querying 'bar' avrebbe il risultato di CNAME foo essere interrogato, quindi someserver.somehost.com. viene interrogato, con una query aggiuntiva.

    Per each elemento della catena che verrà aggiunto, verrà richiesta un'altra query.

    Un altro motivo per cui è scoraggiato è che, creando catene come queste, aumentano le probabilità che in qualche modo creerai gli loop CNAME ; questi dovrebbero essere rilevati automaticamente dai server DNS attuali, ma imporre ancora un grosso carico sui server.

    Sì, è consentito e functionrà, ma non è considerata una buona pratica. Le ricerche multiple utilizzano più risorse e c'è il rischio di creare accidentalmente un ciclo.

    Suggerimenti per Linux e Windows Server, quali Ubuntu, Centos, Apache, Nginx, Debian e argomenti di rete.