Cosa significa il suffisso in Linux?

Sto configurando apache e per impostazione predefinita ho le directory /etc/httpd/conf e /etc/httpd/conf.d . Qual è la differenza?

Inoltre puoi vedere il suffisso in molte altre directory come /etc/init.d , /etc/cron.d , etc …

  • Impostazione del timeout per i lavori cron
  • Cambiare l'IP in output di qmail
  • Come utilizzare PAM per controllare la password LDAP per alcuni utenti, tuttavia utilizzare sempre UID / GID da file locali?
  • Windows 7 / Samba "accesso negato" messaggio da xcopy
  • Posso gestire le macchine Windows 7 con un server open source?
  • ordine 4 catastrofe fallimento
  • Spostare i file dal volume e riaccenderlo conservando tutti gli attributi?
  • Miglior strumento di monitoraggio OpenSource?
  • È questo un tipo corretto Content-Type header?
  • Come utilizzare Crontab per visualizzare qualcosa agli utenti su DISPLAY =: 0.0 oppure eseguire un programma GUI
  • Devo utilizzare le istantanee LVM insieme a rsnapshot?
  • Controllare la causa del tempo di caricamento lento tra diversi server
  • 2 Solutions collect form web for “Cosa significa il suffisso in Linux?”

    "d" indica la directory e una directory del genere è una raccolta di file di configuration spesso frammentati che sono inclusi nel file di configuration principale. Il punto è quello di compartimentare le preoccupazioni di configuration per aumentare la manutenzione.

    Quando si ha una distinzione come /etc/httpd/conf vs /etc/httpd/conf.d , di solito il caso /etc/httpd/conf contiene diversi tipi di file di configuration, mentre una directory .d contiene più istanze dello stesso tipo di file di configuration (ad esempio "moduli da caricare", "siti da triggersre") e l'amministratore può aggiungere e rimuovere se necessario.

    La principale forza trainante dietro l'esistenza di questa convenzione di denominazione di directory è per una gestione dei pacchetti più facile dei file di configuration. Sia che sia il suo numero di giri, deb o qualunque cosa, è molto più facile (e probabilmente più sicuro) poter abbandonare un file in una directory in modo che sia incluso automaticamente nella configuration di un programma anziché cercare di modificare un file di configuration globale.

    Un buon esempio di questo è logrotato. Nella directory /etc/logrotate.d sono file di configuration per praticamente tutte le applicazioni che hai installato che mantiene un log in / var / log . Alcuni sono inseriti nella configuration di syslog poiché quasi tutti i sisthemes dispongono di messaggi, file wtmp e lastlog. Ma se installi Apache sul tuo sistema, hai bisogno di un modo semplice per aggiungere automaticamente la configuration per rotazione dei registri Apache, per cui basta un file di configuration chiamato httpd in /etc/logrotate.d e logrotate è configurato per includere i file in quello directory. Ognuno è proprietario del pacchetto per il demone e se si rimuove il pacchetto rimuoverà il file. È fondamentalmente un modo per modulare i file di configuration. Si noti che questo deve essere supportto dal programma, non è qualcosa di automatico che il sistema fa per te o qualcosa. Di solito i programmi che lo fanno hanno una direttiva di configuration chiamata include che specifica where si trova la directory sul file system.

    logrotate.d potrebbe anche essere il primo posto che questa convenzione è stata utilizzata al di fuori degli indici init.d e rc.d per gli script init.

    Suggerimenti per Linux e Windows Server, quali Ubuntu, Centos, Apache, Nginx, Debian e argomenti di rete.