Differenza tra Xen PV, Xen KVM e HVM?

So che Xen è di solito meglio di OpenVZ poiché il provider non può sovrapporsi a Xen. Tuttavia, qual è la differenza tra Xen PV , Xen KVM e HVM (stavo attraversando le specifiche di questo fornitore? Qual è meglio per quali scopi e perché?


Edit:

Per un utente finale che solo ospiterà siti web, che è meglio? Dall'efficienza o da un altro punto di vista, esiste un vantaggio uno sull'altro?

  • vmware: come virtualizzare nt server 4.0?
  • Xen: Convertire l'image in lvm con tempi di inattività minimi
  • Vmware Storage Appliance: Fornisce?
  • PID è andato via con tutti i nostri MEM e SWAPPED hard - OSSEC RHEL
  • Che cosa fa l'impostazione MAC su un'interface per la capacità di trasmettere i fotogrammi?
  • Macchine di backup di Xen domU
  • Virtualizzazione per l'efficienza? Non sconfigge il punto di un sistema operativo?
  • Backup degli ospiti KVM quando si utilizzano i file di disco qcow2
  • VMWare Workstation virtual vs disco fisico?
  • 2 Solutions collect form web for “Differenza tra Xen PV, Xen KVM e HVM?”

    Xen supportto tipi di virtualizzazione

    Xen support l'esecuzione di due tipi diversi di ospiti. Gli ospiti Xen sono spesso chiamati domUs (domini non privilegiati). Entrambi i tipi di ospite (PV, HVM) possono essere usati contemporaneamente su un singolo sistema Xen.

    Xen Paravirtualizzazione (PV)

    Paravirtualizzazione è una tecnica di virtualizzazione efficiente e leggera introdotta da Xen, successivamente adottata anche da altre soluzioni di virtualizzazione. Paravirtualizzazione non richiede estensioni di virtualizzazione dalla CPU host. Tuttavia gli ospiti paravirtualizzati necessitano di un kernel speciale che viene portto a funzionare nativamente su Xen, per cui gli ospiti sono consapevoli dell'ipervisore e possono eseguire in modo efficiente senza emulazione o hardware virtuale emulato. I kernel guest Xen PV esistono per sisthemes operativi Linux, NetBSD, FreeBSD, OpenSolaris e Novell Netware.

    Gli ospiti PV non dispongono di alcun tipo di hardware virtuale emulato, ma la console grafica è ancora ansible usando guest pvfb (framebuffer paravirtual). La console grafica guest PV può essere visualizzata utilizzando il client VNC o il virt-viewer di Redhat. C'è un server VNC separato in dom0 per each guest PVFB.

    I kernel Linux kernel.org a partire da Linux 2.6.24 includono il supporto per guest Xen PV (domU) basato sul framework Linux pvops, quindi each kernel Linux a monte può essere utilizzato automaticamente come kernel guest Xen PV senza ulteriori patch o modifiche.

    Vedere la pagina wiki di XenParavirtOps per ulteriori informazioni su Linux pvops Xen support.

    Xen Virtualizzazione completa (HVM)

    Gli utenti HVM (Hardware Virtual Machine) completamente virtualizzati richiedono estensioni della virtualizzazione CPU dalla CPU host (Intel VT, AMD-V). Xen utilizza la versione modificata di Qemu per emulare l'hardware completo del PC, incluso il BIOS, il controller di disco IDE, l'adattatore grafico VGA, il controller USB, la scheda di networking ecc. Per gli ospiti HVM. Le estensioni della virtualizzazione della CPU sono utilizzate per aumentare le performance dell'emulazione. Gli ospiti completamente virtualizzati non richiedono un kernel speciale, per cui ad esempio i sisthemes operativi Windows possono essere utilizzati come ospiti Xen HVM. Gli ospiti completamente virtualizzati sono solitamente più lenti degli ospiti paravirtualizzati, a causa dell'emulazione richiesta.

    Per aumentare le performance, i clienti HVM completamente virtualizzati possono utilizzare driver speciali periferiche paravirtuali per escludere l'emulazione per disco e networking IO. Gli ospiti Xen Windows HVM possono utilizzare i driver GPLPV opensource. Vedere la pagina wiki di XenLinuxPVonHVMdrivers per ulteriori informazioni sui driver Xen PV-on-HVM per gli ospiti Linux HVM.

    Questo è da http://wiki.xenproject.org/wiki/XenOverview

    KVM non è affatto Xen, è un'altra tecnologia, where KVM è un module kernel nativo Linux e non un kernel aggiuntivo, come Xen. Quale rende KVM un design migliore. il lato negativo è che KVM è più recente di Xen, quindi potrebbe mancare alcune delle caratteristiche.

    Xen è un hypervisor che funziona su metallo (il pc / server) e quindi ospita macchine virtuali chiamate domini.

    Un dominio Xen PV è un dominio paravirtualizzato , il che significa che il sistema operativo (di solito si parla di linux qui) è stato modificato per eseguire sotto Xen e non c'è bisogno di emulare effettivamente l'hardware. Questo dovrebbe essere il modo più efficiente per andare, performance saggio.

    Un dominio Xen HVM è dominio hardware emulato , il che significa che il sistema operativo (potrebbe essere Linux, Windows, qualsiasi cosa) non è stato modificato in alcun modo e l'hardware viene emulato. Questo è piuttosto lento, quindi di solito si installa i driver PV nel os ospite per hardware critico (di solito disco e networking), quindi l'ospite nel suo complesso verrà eseguito completamente virtualizzato, ma i pezzi di hardware più performanti functionranno paravirtualizzati. I recenti sisthemes Linux hanno i driver pv sia per il disco che per la networking nel kernel e esistono diversi driver PV per Windows. Con tutto lo sviluppo di HVM negli ultimi anni, di solito è poca differenza nelle performance tra HVM e PV per carichi di lavoro standard.

    KVM non è Xen, è un'altra piattaforma di virtualizzazione integrata all'interno del kernel Linux. Da un punto di vista guest sembra Xen HVM: l'ospite funziona completamente virtualizzato e ci sono driver specifici per eseguire alcune parti paravirtualizzate (di nuovo, disco e networking).

    Sia Xen HVM che Linux KVM hanno bisogno di supporto hardware virtualizzato (Intel VT-x, AMD AMD-V), mentre Xen PV non è in grado di eseguire sisthemes operativi senza supporto fotovoltaico (non è ansible eseguire Windows su Xen PV).

    Sia Xen HVM che Linux KVM utilizzeranno parti del software di virtualizzazione qemu per emulare hardware effettivo per dispositivi che non utilizzano driver PV nel sistema guest.

    Xen (sia PV che HVM) può fare migrazione in diretta di un ospite in esecuzione da un server fisico ad un altro, non so se anche KVM.

    Sia Xen che KVM non possono sconfiggere la memory in modo da get solitamente la "RAM reale", mentre altre piattaforms come VMware possono scambiare parte del disco guest su disco.

    Ci sono differenze ma di solito si applicano a specifiche installazioni e non al server privato virtuale generico per la vendita ad altre persone. Ad esempio, gli ultimi hypervisori Xen supportno la memory trascendente che potrebbe migliorare l'utilizzo della memory e le performance degli ospiti se l'ospite ha il supporto (kernels Linux> = 3.something).

    Tutte queste tecnologie ti daranno un'ottima esperienza se vengono implementate correttamente e non faranno una grande differenza dal tuo punto di vista. Naturalmente, ci sono mille modi in cui le cose possono andare storte e che non sono correlate alla specifica soluzione di virtualizzazione (vale a dire, il tuo ospite potrebbe essere memorizzato su dischi lenti e questo potrebbe danneggiare la tua performance).

    Suggerimenti per Linux e Windows Server, quali Ubuntu, Centos, Apache, Nginx, Debian e argomenti di rete.