il raid sda1 (?) non è riuscito a debian – cosa fare ora?

ispconfig dice che il mio server ha problemi di raid. Il server non è mio, è affittato da una società di hosting. L'installazione di OS non era la mia azienda: l'azienda di hosting lo ha fatto.

cat /proc/mdstat Personalities : [raid1] md0 : active raid1 sda1[2](F) sdb1[1] 312568576 blocks [2/1] [_U] 

Non sono veramente a conoscenza di questo problema, non ho mai incontrato problemi come questo.

  • Molti pacchetti sono caduti su NIC
  • Router Linux: il ping non ritorna
  • Sono stato hacked, e adesso sono un po 'confuso di alcune cose
  • Rimozione di Apache da Debian 5
  • Solo ftps con proftpd su debian
  • Posso riavviare il servizio dipendente con systemd?
  • Immagino che sda1 sia morto. Puoi aiutarti a fare ora (ad exception di quello che dovrei call l'azienda di hosting)? Ho tutto ciò che è importnte.

  • Ripristina session SSH
  • Cosa causa il messaggio "Connessione rifiutata"?
  • È ansible che un interruttore gigabit sia alimentato a PoE?
  • Invio di posta da più host in un'istanza utilizzando Amazon SES e Exim4
  • Cosa succede quando si collegano due lati di un cavo a un unico dispositivo di networking?
  • Linux rileva solo 2 GB di RAM con 4 installati - i386 Debian Lenny
  • 2 Solutions collect form web for “il raid sda1 (?) non è riuscito a debian – cosa fare ora?”

    Non preoccupatevi, questo è un errore comune e recuperabile. La tua società di hosting ha creato un arrays ridondante a due dischi per proteggere i dati nel caso in cui uno dei dischi non riesce. Questo errore si è verificato. L'output indica che sda1 non è riuscito e che l'arrays RAID1 funziona, ma è degradato.

    Adesso siete in prestito, però. Se il secondo disco non è riuscito, questi dati vanno e dovrai ripristinare dal backup. Chiedere alla tua azienda di hosting di sostituire immediatamente il disco fallito e tornare a te quando è finito!

    Inoltre, assicurarsi che i backup siano benissimo prima di sconvolgere o avere qualcuno in disgrazia con un raid degradato è una buona idea. I fallimenti della cascata si verificano purtroppo, e così fanno gli errori del personale ospitante (controllo triplo che tu e le mani presso la società di hosting sono sulla stessa pagina di quello che deve essere fatto su quale disco).

    AFAIK, se il dispositivo è chiamato / dev / mdX, è sempre linux softraid, quindi nessun controller di archiviazione hardware a parte da una scheda di networking SATA o SAS diretta.

    Ci sono modi in Linux per dirgli che un disco deve essere logicamente rimosso o è stato aggiunto, tuttavia questi dovrebbero essere necessari solo se hotplugging direttamente connessi PATA o dispositivi paralleli SCSI (che dovrebbe essere considerato verboten comunque su hardware che non esplicitamente sostenerlo comunque).

    smartctl (dal pacchetto smartmontools, non eseguirlo se c'è un ssd coinvolto E il provider non ha impostato un demone smartmontools o script cron sul server, ci sono versioni di smart utility noti che danneggiano determinate ssds) può dirvi un lot su CHE C'è errato con un drive, specialmente se collegato direttamente come è il caso qui, così può call dmesg. I valori di spinup_count e power_on_hours ottenuti sui dischi di sostituzione che si ottengono a volte per interessanti argomenti di discussione con i gestori;)

    Suggerimenti per Linux e Windows Server, quali Ubuntu, Centos, Apache, Nginx, Debian e argomenti di rete.