Il ricordo ipmitool

Abbiamo cercato di migrare verso un migliore sistema di gestione delle password sul nostro server. Il problema era che tutti questi giorni stavamo utilizzando un algorithm proprietario per creare un hash (un hash decryptable).

In linea con i progressi in Linux, abbiamo deciso di cambiare questo metodo in un unico modo per aumentare la sicurezza. Ma ipmitool fa parte del lato client HMAC SHA1 invece di lasciare che il server faccia il match hash.

  • Possibile limitare un tasto EC2 a un indirizzo ec2-associato?
  • MongoDB Oplog Security
  • Dove posso configurare un ambiente di gestione in Amazon VPC? E testare?
  • Come limitare i tentativi di accesso a Subversion?
  • Come le altre aziende gestiscono browser e versioni approvate per hardware interno per la creazione di siti web aziendali?
  • Devo riferire i tentativi di hacking?
  • C'è qualche implementazione là fuori che non uccide tutta la logica e gestisce l'authentication dell'utente come funziona ipmitool (richiedendo SHA1 hash dal server)?

    C'è comunque ansible utilizzare ipmitool senza utilizzare un hash decryptable?

  • Che cos'è un pannello di patch?
  • Come faccio a smettere di installare Ubuntu daemoni che non ho esplicitamente chiesto di eseguire?
  • One Solution collect form web for “Il ricordo ipmitool”

    No! Il problema che tu citi qui è un problema nella specifica IPMI che non è ancora fissata a partire da questa scrittura, anche se le spezie sono chiare come il fango e non potrebbero essere più oblique circa l'ammissione.

    Potete leggere tutto su di esso a http://fish2.com/ipmi/remote-pw-cracking.html ma penso che lo sappiate già.

    Non riesco a capire cosa stai facendo esattamente, ma se vuoi rendere la tua applicazione sicura, non dovresti basarti su IPMI. Non ho idea se questa è un'opzione nel tuo caso.

    Suggerimenti per Linux e Windows Server, quali Ubuntu, Centos, Apache, Nginx, Debian e argomenti di rete.