Qual è lo scopo di un server autonomo fisico?

Qual è lo scopo di un server fisso autonomo Vs un server che ospita diversi server logici?

Sono da uno background di sviluppo e costruisco costantemente sisthemes di server client-server. Tuttavia, non ho mai approfittato degli aspetti fisici ….

  • Distro minimalist Linux per Virtualbox?
  • Apache 2 Il collegamento simbolico non consentito o il target di collegamento non accessibile
  • Cambiare la quantità di RAM e CPU in KVM
  • (Eucalipto, KVM) Perché abbiamo bisogno di dividere un VM nell'image del kernel, nell'image ramdisk e nell'image del disco?
  • Devo utilizzare l'irqbalance in un ospite di VMware?
  • Server SQL in VMware
  • Spesso, indicherò un servizio web ad un'applicazione di database tramite un indirizzo IP, ovvero l'indirizzo a cui si trova l'applicazione di database …..

    Ora questa nozione di Virtual Physical Vs mi ha colpito – mi rivolgo a un server virtuale o fisico? I server fisici hanno uno scopo particolare, vale a dire solo per l'archiviazione, ecc. Oppure vengono utilizzati anche in pratica per ospitare applicazioni?

  • Raffreddamento per una piccola sala server
  • Come build e gestire una sala macchine?
  • L'opzione di ionizzazione sul nostro A / C è triggersta o distriggersta in una stanza del server?
  • Come calcolare la capacità CA necessaria per una sala server?
  • Come calcolare il costo di raffreddamento per server?
  • Lavori nella tua stanza del server?
  • 3 Solutions collect form web for “Qual è lo scopo di un server autonomo fisico?”

    Beh, i VM devono correre su qualcosa, giusto?

    Ancora più seriamente, spesso i carichi di server sono più grandi di quello che un VM può gestire e avete bisogno di uno o più sisthemes per gestirlo. VM sono grandi quando si hanno molte applicazioni leggermente caricate. Quando hai qualcosa che ha bisogno di un po 'più grunt, ha senso avere effettivamente un server che fa il lavoro. Anche where il server non è completamente utilizzato, beh, hai spazio per crescere.

    Per quanto riguarda la seconda parte della tua domanda, avrei preso in prestito e ti faccio riferimento alla propria architettura di SE

    È un sacco di server – ci sono dedicati che servono i database (e backup per quelli), ci sono più server web (e backup), ci sono bilancieri di carico, tutti lavorano in unison per garantire che le cose funzionano velocemente. Quindi, sì, ci sono server di applicazioni, server di backup e bilancieri di carico, tutti creati per fare lavori specifici. Anche con hosting condiviso o VM, avrai sisthemes diversi che eseguono diversi lavori – archiviazione, server web, database, host e così via. Probabilmente è insolito avere macchine per uso generale al di fuori di piccoli luoghi di lavoro o di sviluppo / test / impostazioni di server di casa

    Dall'utente / dev (e in questo caso lo sviluppatore è l'utente), tuttavia, la differenza tra una VM e una macchina fisica correntemente funzionante è molto vaga. La sua è solo una macchina, e lo usi allo stesso modo in cui vorresti un sistema fisico. Il vantaggio con i VM è ovviamente il consolidamento (è ansible eseguire molte VM su una singola macchina) e la capacità di adattarsi ai carichi se si deve improvvisamente adattarsi a un traffico superiore. Le macchine fisiche sono meglio se si ha bisogno di un'infrastruttura di infrastrutture abbastanza grande e può dedicare una o più macchine ad un ruolo.

    La risposta banale è "sì, sono necessari server fisici, se solo per ospitare tutti quei server virtuali". Ma sospetto che tu stai chiedendo "perché qualcuno potrebbe scegliere fisicamente virtuale, o viceversa".

    Divertente dovresti chiedere. Ho solo agonizzato se virtualizzare la mia colo'ed box, e alla fine deciso contro di essa. I pro erano ovvi: è più economico, più flessibile, qualcun altro si occupa dell'hardware, ottengo l'accesso "console" virtualizzato piuttosto che pagare per il KVM basato su IP (o l'unità al colo) e così via.

    Alla fine ho deciso di rimanere fisico.

    La prima ragione dura era che volevo usare un dispositivo USB chiamato Entropy Key per gonfiare il pool di entropia del mio server. So che la maggior parte delle tecnologie di virtualizzazione permettono ai dispositivi fisici (USB) di essere instradati attraverso un particolare VPS, ma non è una caratteristica standard della maggior parte dei pacchetti di virtualizzazione.

    La seconda ragione dura era che volevo un certo grado di controllo su chi è sul mio hardware che non riesco a get con la virtualizzazione. L'accesso fisico è sempre un problema, ma il mio colo è abbastanza fisicamente sicuro, dispone di telecamere su tutto il livello DC e così via: sarebbe difficile anche per un dipendente di accedere e non lasciare traccia. Se è semplicemente seduto sull'hardware dom0, può guardare tutto il mio server, e piuttosto ansible lasciare nessuna impronta. Cosa posso dire, sono paranoico.

    La ragione finale era che posso essere molto chiara di ciò che sono i miei vincoli. So quanto width di banda sono i miei dischi, perché sono miei, non un canale presunto riservato su un backplane sovraordinato. Allo stesso modo, la mia memory è la mia, ho pagato per questo, ed è tutto lì quando il mio kernel lo vuole.

    Suppongo che alla fine arrivi a controllare contro la convenienza. Se preferisci il primo, rimanga fisico; se preferisci quest'ultimo, virtualise.

    Bene, oltre a ciò che è già stato detto, voglio aggiungere che i server fisici sono ancora complessivamente migliori di quelli virtuali che ospitano applicazioni di carico pesante con elevati utilizzi di disco rigido – database e sisthemes di calcolo cluster (inclusi i popolari database di distribuzione NoSQL). Soprattutto perché i server virtuali hanno solitamente problemi a utilizzare RAID (in particolare i sisthemes Hyper-V). Tuttavia, con le macchine virtuali avrai di solito una distribuzione leggermente più facile e un'elevata disponibilità, poiché le macchine potrebbero essere migrate da una scatola fisica ad altre senza modifiche di configuration o di modifica. VM funziona anche bene con l'hosting di caselle di firewall e server terminal / applicazioni remote, in quanto si desidera che essi siano tenuti in una macchina separata per motivi di sicurezza o performance.

    Quindi, alla fine la mia risposta sarà seguita: se siete interessati a ospitare applicazioni client, i VM sono il modo per andare, vi darà una buona ridondanza, scalabilità e bilanciamento del carico. Ma per il lato server, le macchine fisiche potrebbero essere un'idea migliore, in questo modo sarebbe più facile gestirlo e mantenerlo, in quanto avreste less uno strato di software da curarsi (questo viene dalla mia esperienza personale: cercando di risolvere i problemi problemi di performance sul server virtuale SQL è davvero, davvero doloroso).

    Suggerimenti per Linux e Windows Server, quali Ubuntu, Centos, Apache, Nginx, Debian e argomenti di rete.