Server cancellato dopo "yum remove python"

Un disastro si è appena verificato dopo che ho eseguito il command yum remove python e ora non riesco più a avviare il server.

Come è successo: ho provato ad aggiornare alcune applicazioni tramite yum sul mio CentOS 5 VPS e il command non funzionava a causa di un errore di pitone 2.4 strano. Ho notato che la mia versione di pitone era vecchia e ho provato a reinstallarlo prima di rimuoverlo, e così ho fatto yum remove python .

  • sincronizzazione temporale PTp su centos6 / rhel
  • Il servizio non parte da Centos durante l'avvio
  • Centos in esecuzione Hudson si blocca, quali registri per controllare per scoprire perché?
  • Come annullare "yum remove python"
  • limitare il postfix e l'allegato?
  • Come esport le variables per tutti gli utenti in Linux?
  • Dopo che mi ha chiesto qualcosa circa la rimozione delle dependencies e sembrava niente che potrei perdere così ho cliccato Y

    Quindi la conseguenza di ciò era che non riuscii ad eseguire alcun command quanto mai. Ho anche provato cd /var/www ma mi ha detto qualcosa come "il command does not exist in /usr/bin ". Quando ho usato la scheda per vedere i suggerimenti di navigazione cartella, la struttura del file sembrava ancora lì (alless il bit /var/www che è veramente importnte per me). Dopo questo ho provato a riavviare il vps (dal pannello di amministrazione poiché il command di reboot non funzionava) e ora non si avvia più.

    Ora la mia domanda è: come può un command come quello forse distruggere il mio server come questo?

  • Impostazione di Exim per inoltrare la posta
  • C'è un modo per vedere se un rpm è stato installato manualmente o installato da un repo?
  • Come posso mantenere la versione RHEL statica (es. RHEL 5.1)?
  • Consenti il ​​login di root solo da un indirizzo IP
  • Completamente reimpostare PostgreSQL come default?
  • La query locale di NTP si estende sempre
  • 6 Solutions collect form web for “Server cancellato dopo "yum remove python"”

    Mi dispiace sinceramente: posso sentire il dolore per avere un server inaccessibile / inattivo.

    Tuttavia, sono perso quando leggendo:

    Dopo che mi ha chiesto qualcosa circa la rimozione delle dependencies e sembrava niente che potrei perdere così ho cliccato [Y]

    L'elenco dei pacchetti da rimuovere è sicuramente enorme, poiché il python è una parte essenziale di RHEL / CentOS. Non dovresti mai confermare un messaggio di avvertimento che non comprendi veramente.

    La cosa migliore che puoi fare, come è già stato suggerito, è quello di avviare tramite un supporto di ripristino (cioè: livecd), estrarre i file di dati richiesti e reinstallare la macchina con un rilascio CentOS più recente (e come CentOS 6 è abbastanza vecchio, ti suggeriamo di rimediare su CentOS 7).

    Francamente, perché hai fatto qualcosa che non hai capito appieno. Python è una parte essenziale del sistema operativo e le cose che ritenete non importnti sono molto importnti. Ripristinare dal backup.


    Quando hai rimosso Python, yum ti ha mostrato un lungo elenco di pacchetti che verrebbero rimossi. Questa list contiene elementi essenziali come yum , coreutils , net-tools e altri. Hai confermato a yum che sai cosa stai facendo e vuoi procedere comunque. Il risultato di questo è un sistema non funzionante. Questo non dovrebbe essere sorprendente.

    Per il record, sulla versione più recente CentOS questo non è più ansible, poiché alcuni pacchetti sono ora contrassegnati come protetti e non possono essere rimossi, solo reinstallati o aggiornati. E poiché CentOS 5 è ora comunque EOL, è un buon momento per eseguire l'aggiornamento a una versione più recente.

    Hai fatto qualcosa senza comprendere appieno le conseguenze

    Quella installazione è irrecuperabile, richiede molto lavoro per reinstallare centos5. E questo è un piano difettoso perché

    1. CentOS 5 è End of Life e quindi non ha aggiornamenti. Ciò è extra grave dato che suona come un webserver che serve i contenuti dell'internet pubblico e che utilizzi le applicazioni del pannello per controllarlo.
    2. CentOS> 5 avrebbe impedito di eseguire questo aggiornamento e di uccidere la casella. E 'un bel bagagliaio da avere.
    3. CentOS 7 sostiene di sostenere i principali aggiornamenti della versione in atto. Non l'ho mai usato, ma riuscire a saltare da 7 a 8 quando rilascia sarà molto buona. Debian ha avuto questo da sempre, ma Redhat ha sempre richiesto una reinstallazione per i salti della versione principale.

    Soluzione

    La tua scommessa migliore è creare un nuovo VPS, installare nuovamente CentOS7 e quindi reinstallare il vecchio volume del disco centos5 e montarlo in sola lettura. Quindi lavorare per copiare (non spostare) i tuoi dati dalla vecchia unità al nuovo.

    Nota che questo sarebbe il mio metodo utilizzando AWS. Se il tuo fornitore di VPS non può colbind dischi a VM diversi, allora dovrai modificare il piano.

    Non import cosa fai, ti preghiamo di considerare l'installazione di backup automatici in futuro. Non ti salverebbe, ma renderebbe un po 'più flessibile il recupero. Adesso hai bisogno di dati su quel disco in un nuovo server di lavoro. Non perdere il disco esistente.

    Come è potuto accadere? Beh, molto semplice: rimuovendo le parti che erano critiche per il tuo server.

    Prossimi passi per: riposizionare un nuovo sistema operativo e ripristinare i dati dai backup.

    Come sottolineato da dragon788 e altri nei commenti, in Gentoo, gli sviluppatori gestiscono anche un insieme di pacchetti di tinderbox che sono solo le versioni binarie di una serie di pacchetti principali del sistema operativo per le stesse situazioni. Se si perde un pacchetto di core, è sufficiente installare il sistema su LiveCD / DVD, montare l'unità OS del server interrotto e disimballare i pacchetti del tinderbox sul filesystem, smontare, riavviare e, se avviene correttamente, ricostruisci i pacchetti alle specifiche e ai config di server.

    Quindi, per eseguire qualcosa di simile in CentOS, penso che dovresti trovare le versioni giuste degli RPM disinstallati, quindi avviare un LiveCD / DVD, montare l'unità OS e chroot (forse … se sei familiare con come utilizzare la bandiera " –relocate " per rpm , potrebbe non essere necessario chroot), quindi reinstallare questi pacchetti, smontare e riavviare.

    Naturalmente, dato che il supporto per CentOS 5 è stato terminato il mese scorso, dopo aver riavviato il sistema correttamente, è ansible aggiornarlo a una versione corrente.

    HTH.

    In genere è ansible avviare il boot dal supporto di installazione e quindi eseguire chroot per eseguire i comandi oppure entrare nell'attuale installazione e ripristinare i file o eseguire una reinstallazione dei pacchetti.

    Suggerimenti per Linux e Windows Server, quali Ubuntu, Centos, Apache, Nginx, Debian e argomenti di rete.